AVVISO IMPORTANTE: Dato l'elevato numero di richieste, Eternal Curiosity non può accettare nuovi clienti, sia che si tratti di consulenze scritte che di ottimizzazione SEO diretta. Valutiamo solo casi eccezionali e ad alto budget. Per informazioni, vi invitiamo a scriverci a [email protected]

Questo articolo apparteneva al vecchio blog (blog.danilopetrozzi.it), per cui le informazioni potrebbero non essere più aggiornate ed attendibili.

Studiamo l’HTML5 – Elementi di modifica

Nella scorsa lezione abbiamo sviscerato decine di elementi testuali e semantici che sono indispensabili per una corretta formattazione dei contenuti in HTML5.

Oggi, per vostra fortuna, questa sezione è composta da pochissimi elementi e nozioni. Parliamo degli elementi di modifica: tag che devono essere usati se un documento ha subito modifiche rispetto alla sua versione originale.

Elemento <ins>

L’elemento <ins> si utilizza quando si aggiunge del contenuto al documento.

Gli unici attributi permessi, sono cite=””, per specificare fonti aggiuntive, e datetime=”” per indicare l’orario esatto della modifica.

Un esempio dell’utilizzo di <ins>. Il testo originale:

Per aggiungere una modifica successiva, utilizziamo <ins>:

 Il nuovo paragrafo è racchiuso dentro il tag <ins> che è “ampliato” dall’attributo datetime, contenente l’orario di aggiornamento in formato standard.

Elemento <del>

 A differenza di <ins>, l’elemento <del> va usato quando alcuni elementi del documento vengono eliminati.

Come per <ins>, anche <del> può essere arricchito da due attributi: cite=”” e datetime=””.

Un esempio classico per spiegare l’utilizzo di <del> è quello della lista con le azioni da svolgere. Quando un’azione viene completata, può essere utilizzato il tag <del>:

Note sull’uso <ins> e <del>

Per quanto le specifiche non siano definitive (potrebbero cambiare da qui al momento dell’ufficializzazione dello standard HTML5 a fine 2014) ci sono alcune regole di base che verranno sicuramente mantenute.

Gli elementi <ins> e <del> possono essere usati senza che gli elementi di raggruppamento ne risentano. Se all’interno di questi due tag ci sono aperture o chiusure di <p>, <div>, ecc, non c’è alcun problema, purché la sintassi sia ottimale.

Nel caso delle liste <ul> e <ol>, come visto più in alto, i tag di modifica devono essere inseriti sempre all’interno dei <li></li>, dato che una lista accetta solo e unicamente sotto elementi che identificano gli elementi.

 

 

Danilo petrozzi

Ciao! Io sono Danilo Petrozzi, il fondatore di Eternal Curiosity. Oltre a essere un senior SEO Specialist e un Web Developer, è dall'età di 9 anni che mi appassiono a qualsiasi cosa ruoti intorno al web e all'informatica in generale.

Lascia un commento